Cooperativa Sociale Agropolis Onlus

News

News

21/04/2011

seminario "DISABILITA' E SERVIZI: REALTA' ED INNOVAZIONE"

Scarica Allegato

L'Azienda Sociale Cremonese a.s.c. e il Gruppo di Lavoro degli Enti Gestori S.F.A. - C.S.E. del territorio cremonese sono lieti di invitarVi al Seminari   "DISABILITA' E SERVIZI: REALTA' ED INNOVAZIONE" MARTEDI' 03 MAGGIO 2011 ore 9.00 - 13.00 Aula Magna Seminario Vescovile di Cremona Via Milano, 5 CREMONA   Il Seminario vuole essere l'occasione per illustrare le attività principali, le specificità e le sperimentazioni in atto nelle unità d'offerta semi-residenziali disabili dei Servizi Formativi all'Autonomia (S.F.A.) e dei Centri Socio Educativi (C.S.E.) del territorio cremonese a confronto con esperienze del territorio lombardo.   Nei prossimi giorni sarà disponibile il programma completo dell'iniziativa, che verrà inviato a tutti gli Enti e le realtà del territorio cremonese.   Si infoma inoltre che per le Scuole è prevista la possibilità di partecipare con le classsi.   Si chiede cortesemente di inviare la Scheda di iscrizione allegata alla presente (in particolare per le Scuole), per consentire una adeguata organizzazione (Segreteria Organizzativa Azienda Sociale del Cremonese tel. 0372 803440; fax 0372 803428; e-mail: info@aziendasocialecr.it).   Cordiali saluti e Auguri di Buona Pasqua.

21/04/2011

“DIVERSAMENTE UGUALI “ 2011 HAPPY HOUR con l’Autore

clicca qui per visualizzare la fotogallery

Scarica Allegato

Venerdì 27 maggio 2011 ore 18,30

Caffetteria del Palazzo-Palazzo Trecchi- via Trecchi-CREMONA       LETIZIA ROMANINI presenta  

CRISTINA BORGHI autrice del libro “Un giardino per stare bene” e

ALICE STRADA agronoma          

Cristina Borghi, laureata in medicina e chirurgia, in farmacia e specializzata in farmacologia sperimentale. Dopo circa trenta anni di studi e di attività attività professionale e didattica in Italia ed all’estero, nell’ambito dello studio clinico dei farmaci nell’industria farmaceutica, è approdata allo studio dei giardini nei luoghi di cura e non . Svolge tuttora attività didattica e di consulenza per la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano e presso la Scuola di Agraria del Parco di Monza.  

Alice Strada laureata in Scienze Ambientali indirizzo Agrario presso l’Università degli Studi di Milano. Specializzata in Terapia Orticolturale e in Manutenzione del verde presso la Scuola di Agraria del Parco di Monza. Dottore di ricerca (Ph.D) in Innovazione Tecnologica per le Scienze Agro Alimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano specializzata in “Healing Gardens- Progettazione del Verde nelle strutture di Cura” presso l’Università degli Studi di Milano.

 

21/04/2011

UN GIARDINO CRESCE

clicca qui per visualizzare la fotogallery

Lettera invito

UN GIARDINO CRESCE

Cioè fa crescere. “Perché ci regala la salute” ce lo illustra autorevolmente il libro ricco di esperienze e realizzazioni della dott. ssa Cristina Borghi UN GIARDINO PER STARE BENE. Questoè anche il filo educativo che Agropolis sceglie oggi di tendere per offrirlo alle persone deboli che accoglie. Si compie così la caratterizzazione di un ambiente campestre in cui Agropolis ha voluto insediarsi intuendone fin dalla fondazione le proprietà adatte alla propria scelta educativa. Tornano ad essere i campi, assieme ed attorno alla cascina, i protagonisti di una fase di sviluppo che utilizza il fascino discreto della botanica e della biodiversità. Agropolis li contorna di siepi a formarvi una rete come di nervature architettoniche in un padiglione o vegetali in una foglia, una rete di bellezza naturale. Diverranno un habitat ricco di vita selvatica per gli uccelli, gli insetti ed i piccoli animali che le popoleranno. Collegheranno la zona degli orti a quella degli alveari, al vecchio giardino delle marasche. Includeranno il campo sportivo degli arceri e si protenderanno ai campi sportivi di Cavatigozzi. Nei nodi e lungo le maglie di questa rete potranno collocarsi angoli di giardino e percorsi ombrosi e nascosti di disegno più fine e più ricco per esseremirato allo scopo del guarire o del contemplare forme e colori godendo profumi e ronzii. Adottare una di queste piccole gemme di verde facendosi carico della sua ideazione e della sua cura ne renderà possibile la nascita e la crescita insieme con il benessere dei suoi visitatori. Non siamo che alle prime piantumazioni, ma sarà possibile immaginare insieme il resto della storia visitando Agropolis con la dott. ssa BorghiVenerdì 27 Maggio alle 16.30   PS Dott ssa Cristina Borghi, medico, laureata in Medicina e Chirurgia, in Farmacia e specializzata in Farmacologia sperimentale. Dopo circa trent’anni di studi e di attività professionale e didattica in Italia ed all’estero, nell’ambito dello studio clinico dei farmaci nell’industria farmaceutica, è approdata allo studio dei giardini nei luoghi di cura. Svolge tuttora attività didattica e di consulenza per la facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano e presso la scuola di Agraria del Parco di Monza.           Allegato illustrativo Linee di sviluppo ed interventi in coerenza con gli obbiettivi statutari e con l’esistente. La Cooperativa Sociale Agropolisè retta da un CDA che rappresenta una base sociale costituita in larga prevalenza da soci volontari. Da volontari provengono anche prestazioni professionali tecniche ed amministrative essenziali per il suo funzionamento. Breve storia La cascina Marasco è una tipica cascina cremonese di media grandezza circondata da campi coltivati che ha conservato fino ad ora l’aspetto originale pur essendo prossima all’abitato di Cavatigozzi ed alla città. Così l’ultimo proprietario agricoltore ha voluto conservarla facendone lascito all’Ente comunale di assistenza oradivenuto Fondazione Città di Cremona. Queste caratteristiche hanno ispirato la nascita della Cooperativa sociale AGROPOLIS che ha chiesto ed ottenuto di insediarvisi avendo progettatole proprie attività sociali a misura proprio dell’ambiente rurale appartato, ma non isolato, offerto appunto dalla cascina Marasco. La Cooperativa è identificata da vent’anni con l’ambiente in cui opera accogliendovi e promuovendovi eventi di contatto aperto e continuo con la cittadinanza dalla quale ha ottenuto sostegni generosi che le hanno permesso il restauro conservativo di buona parte delle strutture del cascinale compresi i campi di proprietà circostanti. Questo ha notevolmente valorizzato il bene avuto in Comodato d’uso gratuito. Oggi Agropolis vi gestisce Servizi alla persona per disabili con deficit intellettivo lieve o medio grave (SFA e CSE) Tutte le attività dei Servizi intendono realizzare per queste persone il diritto all’autodeterminazione, portandole a percepirsi attraverso un ruolo adulto, sia all’interno che all’esterno della famiglia. Per tale motivo, oltre a quelle di cultura generale ed informatica, si praticano attività che riescono a sbloccare la spontaneità creativa, di maggiore apertura verso l’altro e verso il mondo, come l’arteterapia, la danza movimentoterapia, il teatro, lo sport e le attività manuali. Per questi è possibile un aumento dell’utilizzazione degli spazi già attrezzati A questa attività operativa, Agropolis accompagna iniziative di diffusione di una cultura della disabilità che ne riconosca i diritti ed apprezzi esperienzeed iniziative positive sia per gli effetti socializzanti che per quelli di gratificazione e liberazione individuale (la più recente “Diversamente uguali” una settimana di eventi su sport e disabilità) Il progetto La coerenzaDue sono gli indirizzi di svilupp uno orientato ad attrezzare altri spazi per attività educative diurne anche rivolte a persone deboli con diverso tipo di disabilità,l’altro è quello dell’Housing sociale, che affronta l’esperienza dell’autonomia abitativa del disabile non solo in un’ottica di emergenza, ma anche di crescita personale. La parte centrale del progetto è costituita dalpiano di recupero delle case coloniche per entrambi gli indirizzi dati al progett sia per ricavarne minialloggi sia aulee laboratori per queste persone. Occorre però che l’offerta sia dotata delle attrattive utili a caratterizzarla e sul versante educativo con la sua ambientazione, e su quello abitativoperché i potenziali fruitori la riconoscano rispondente al proprio progetto di vita. La caratterizzazione dell’offerta:la caratterizzazione cui si presta la cascina Marasco ci sembra possa trovare questa corrispondenza in molte delle persone alle quali ci rivolgeremo. Per questo intendiamo procedere ad una fase preliminare con la realizzazione di interventi per una attività di“orti sociali” e di“fattoria didattica” con particolare caratterizzazione botanica, entomologica ed ornitologica. Oltre quelli già realizzati con la messa in funzione di una serra (con piante odorose, officinali ed ornamentali), di un allevamento di api, e di un vivaio di essenze da frutto autoctone, abbiamo in programma la realizzazione di un progetto per arricchire la biodiversità dei campi intorno( 3000 m di siepi e filari con siti di habitat per farfalle e piccoli animali selvatici, oltre a zone umide per anfibi) e di un laboratorio-biblioteca specializzato sugli stessi biotopi. Riteniamo però che questa attrattiva ambientale, dipenda dalla qualificazione che riusciremo a dare anche ad una porzione dell’ambiente circostante più estesa di quella pertinente la cascina. Consideriamo per questo l’intero spazio aperto peri-urbano costituito dalla zona degli impianti sportivi di Cavatigozzi unitamente ai campi agricoli ed orti attorno alla cascina Marasco. Fra questi quelli incolti lungo il perimetro ovest e sud della cascina a ridosso del muro di cinta collegano i campi di Agropolis , nei quali è ospitato l’impianto di tiro con l’arco, col resto degli impianti sportivi. Interessa prima di tutto ottenere la salvaguardia di questi terreni che appartengono a terzi e potrebbero subire un mutamento di destinazione urbanistica da aree verdi ad aree edificabili compromettendo così l’intero progetto. Un secondo aspetto caratterizzante che si intende dare alla cascina è quello ottenibile con la creazione di laboratori di artigianato artistico sviluppabili attorno alle attuali attività svolte nell’ambito dei servizi alla persona (come l’arteterapia, il teatro, e l’oggettistica) . Si stanno considerando richieste da parte di artisti cremonesi di spazi attrezzati ad ateliers per formare qui una sorta di quartiere dell’arte che aggiungerebbe a quello botanico naturalistico un punto di attrazione ed attività artistico culturale.    

 

20/04/2011

DIVERSAMENTE UGUALI - LE CHIAVI DI CASA - Film

“DIVERSAMENTE UGUALI” 2011

Film:LE CHIAVI DI CASA

Lunedì 23 maggio

ore 10,00 proiezione per le Scuole – ore 20,30 proiezione per il pubblico

TEATRO MONTEVERDI Via Dante CREMONA

 Presentazione di LUCA BELTRAMI responsabile del progetto Cinema&Scuola Comune CR    

 La proposta alle scuole della proiezione del film di Gianni Amelio “Le chiavi di casa” vuole essere un'occasione per far riflettere i ragazzi sul tema della disabilità e permettere loro di confrontarsi con questo tipo di problematica in maniera più matura e consapevole di quanto la nostra società ci inviti a fare.   A questo proposito si è pensato di far precedere la visione del film da un'introduzione del dott. Luca Beltrami (responsabile del progetto Cinem@Scuola del Comune di Cremona) e di consegnare dell'apposito materiale informativo in grado di approfondire alcune tematiche trattate dalla pellicola contestualizzando il film nel panorama cinematografico italiano    

LE CHIAVI DI CASA di Gianni Amelio, Italia 2004 Interpreti:Kim Rossi Stuart (Gianni), Charlotte Rampling (Nicole), Andrea Rossi (Paolo), Alla Faerovich (Nadine), Pierfrancesco Favino (Alberto), Manuel Katzy (tassista), Michael Weiss (Andreas).   Tratto dal libro autobiografico di Giuseppe Pontiggia “ Nati due volte”.       Al termine della visione verrà proposta alle classi l'opportunità di svolgere un'attività di approfondimento con l'obiettivo di invogliare i ragazzi a riflettere quanto appreso attraverso la stesura di un elaborato da produrre in classe singolarmente o in gruppo.   ·Ai ragazzi sarà chiesto di immedesimarsi nella figura o del padre Gianni o del figlio Paolo immaginando di dover scrivere una lettera al proprio figlio, o al contrario al padre, cercando di esprimere a parole il difficile percorso emotivo che i personaggi hanno vissuto nelle vicende che la pellicola ha descritto.   ·Una possibile variante sarà quella di immaginare di proiettarsi in un prossimo futuro inventando un'evoluzione alle vicende personali dei due protagonisti rimanendo però sempre fedeli alle diversità caratteriali ed emotive dei due personaggi.   Gli elaborati più significativi verranno da noi segnalati e successivamente premiati.    

 

15/04/2011

TROFEO AGROPOLIS

Domenica 19 giugno 2011 avrà luogo la tradizionale corsa podistica del TROFEO AGROPOLIS. L'appuntamento è fissato alle ore 07.30 presso la sede della Coop. Soc. Agropolis - c.na Marasco - Loc. Cavatigozzi. Quota di iscrizione € 3,00. Saranno premiati i primi 5 arrivati di ogni categoria. Vi aspettiamo numerosi. Aprire l'immagine per i dettagli.

 

 

02/04/2011

Mostra sull'Unità d'Italia

E' iniziata in sala Alabardieri a Cremona la Mostra organizzata dal Centro Studi Europeo per commemorare il centocinquantesimo anniversario dell'unità. La mostra ospita anche dei pannelli che richiamano il laboratorio teatrale di integrazione sociale che la nostra cooperativa organizza da anni con il Liceo delle Scienze Umane S. Anguissola. In effetti, il laboratorio di quest'anno scolastico si ispira ai temi della convivenza civile che sono intimamente connessi con il percorso laboratoriale che richiede spirito di collaborazione e interiorizzazione dell'idea di "bene comune". Siete tutti invitati a visitare questa mostra molto completa ed interessante.